L’area 51

529
area 51

Ci sono dei luoghi che per gli amanti del mistero, UFO e forme di vita provenienti da altri mondi, sono molto significativi, poiché in base ad alcune indiscrezioni e voci di corridoio, sembrerebbero nascondere segreti militari e perfino velivoli o esseri extraterrestri.

Il più famoso tra questi è sicuramente l’Area 51, un sito militare diventato famoso in seguito agli eventi di Roswell avvenuti nel 1947, quando un presunto UFO si schianto al suolo. La zona venne ben presto delimitata e resa inaccessibile dai militari, che prelevarono i rottami e li caricarono sui loro mezzi, portandoli per l’appunto in una zona militare off limits che si trova nel deserto, dove tra l’altro, pare vi siano conservati dei corpi alieni, recuperati nel medesimo sito dell’incidente di Rowswell, uno dei quai, pare, venne recuperato ancora vivo.

Da allora sono state fatte un’infinità di speculazioni, sia da parte dei militari e del governo degli Stati Uniti, i quali negano tutta la storia e affermano che non si trattò dello schianto di un UFO, ma di un pallone sonda per le rilevazioni meteo; sia da parte di presunti esperti e perfino sedicenti ex dipendenti dell’Area 51, i quali invece confermano le varie storie e parlano di studi fatti sul mezzo recuperato e autopsie aliene.

Ovviamente, nulla è confermato, il mistero è ancora vivo nonostante siano passati così tanti anni e mai nessuno è riuscito a penetrare all’interno dell’invalicabile perimetro dell’Area 51, il quale viene sorvegliato giorno e notte con pattuglie motorizzate e sensori di movimento interrati già a qualche chilometro di distanza dalla recinzione esterna.

La sorveglianza è strettissima e come mostrano molti video su internet di temerari che hanno tentato l’impresa, l’accoglienza non tarda ad arrivare e non è tra le più cordiali.

L’Area 51, al di là di tutte le speculazioni, voci e storie che vi ruotano intorno, resta comunque uno dei luoghi più affascinanti e misteriosi al mondo, dove ogni anno, migliaia di appassionati, ricercatori e investigatori di fenomeni UFO e alieni, si recano per cercare di carpirne i segreti, finora, senza nessun risultato.

Dove si trova Area 51 e come arrivarci

L’Area 51 è un’area che si estende per circa 26 mila chilometri nel Deserto del Nevada, esattamente nei pressi Rachel a circa 150 chilometri a nord-ovest di Las Vegas. Confina con la Yucca Flat, una regione pianeggiante che si trova nel Deserto del Nevada, nel quale sono stati condotti circa 740 test nucleari.

La zona è collegata a un insieme di strade asfaltate che portano verso Mercury viaggiando verso sud, e verso la Yucca Flat andando verso ovest.

A nord-est del Groom Lake è possibile attraversare un passaggio attraverso le Jumbled Hills che conduce a delle miniere nel bacino del lago.

Lungo la strada è presente un posto di controllo del personale militare addetto alla sorveglianza, per cui non è un’impresa facile, né tanto meno priva di rischi.

Una volta usciti da questa stretta zona e procedendo verso est, si raggiunge la Valle Tikaboo, dove alla fine ci si ritrova sulla State Route 375 a sud di Rachel.

Dalla statale 375 si stacca una strada sterrata che corre verso l’ingresso principale della base, la cosiddetta ”Extraterrestrial Highway”, sulla quale, in mezzo al nulla, si trova una cassetta postale bianca, che rappresenta un punto di riferimento per tutti gli avventurosi che hanno provato e provano a intrufolarsi nella base.

Questa stradina sterrata s’incrocia con un altro sentiero che porta al Groom Lake.

L’Area 51 è una base militare

L’Area 51, inizialmente conosciuta con il nome di Nevada Test Site 51, è un sito militare degli Stati Uniti, dove vengono condotti test e sperimentazioni di mezzi e tecnologie di tipo militare sviluppate in segreto.

Sono molte le speculazioni create intorno a questo sito e pare che sia luogo di esperimenti su mezzi militari top secret, sviluppati prendendo spunto dalla tecnologia ritrovata sul presunto UFO che si schiantò a Roswell nel 1947.

Inoltre, pare che in un laboratorio segreto, siano conservati i corpi alieni ritrovati sul sito dello schianto, sui quali sarebbero perfino state condotte delle autopsie.

Chi è riuscito nell’impresa di avvicinarsi (relativamente) all’Area 51, parla di strane luci che si sollevano dal centro della base e sorvolano la zona circostante; velivoli che non produrrebbero nessun suono e che volerebbero non rispettando gli standard tecnologici dei comuni aerei.

Stando a quanto dichiarato da ufficiali ex dipendenti dell’Area 51, il luogo è un sito militare dove vengono condotte sperimentazioni di mezzi all’avanguardia e tecnologie segrete, nonché test su nuovi armamenti, ma le operazioni sarebbero comunque approvate da CIA e Governo Americano: niente di extraterrestre perciò, ma solo segreti militari. L’Area 51 è tutt’oggi operativa.

Tour da Las Vegas per l’Area 51

Per gli appassionati di UFO e fenomeni extraterrestri più avventurosi che desiderano visitare il luogo più famoso legato ad alieni e segreti militari, è possibile effettuare un tour guidato, che dalla città di Las Vegas conduce dritto al perimetro dell’Area 51. Il tour ha la durata di un giorno, 10 ore per l’esattezza, e permette di esplorare l’inesplorabile.

Il servizio è prenotabile anche tramite internet e la conferma con consegna del biglietto è immediata. Il bus preleva i turisti a Las Vegas, presso i vari alberghi o direttamente dal centro città. Il tour prevede una guida in inglese che accompagna i visitatori lungo tutto il viaggio.

L’itinerario prevede una visita presso la Janet Airlines, la compagnia aerea che non esiste, nell’aeroporto di McCarren; la percorrenza della famosa Extraterrestrial Highway, una sosta presso la famosa Black Mailbox, la visita al sito di Groom Lake dove è possibile osservare dei petroglifi indiani che raffigurano strani esseri con grandi occhi e il raggiungimento del confine limite della base più segreta al mondo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

If you agree to these terms, please click here.