Visitare il MOMA a New York

87
Il moma a New york

Il MoMA (Museum of Modern Art), a New York, costituisce senza dubbio uno dei punti di riferimento per l’arte moderna a livello mondiale.

Interamente dedicato a questo genere di arte, ospita attualmente un numero di opere che si aggira intorno alle 150mila unità, tra le quali si annoverano alcune tra le più famose e conosciute dal grande pubblico.

Tra Van Gogh, Cézanne, Monet, Chagall, Dalì e Picasso trovano posto gli esponenti di maggior spicco tra gli artisti contemporanei, oltre che alcune esposizioni periodiche.

Il potere attrattivo del MoMA è tale per cui oltre 2,5 milioni di persone ogni anno si recano a visitarlo, che si tratti di appassionati o turisti provenienti da ogni angolo del mondo.

Di seguito vedremo nel dettaglio questo museo, fornendo qualche consiglio su come visitarlo, illustrandone la struttura, e dando alcune indicazioni pratiche su come raggiungerlo.

Come visitare il MoMA

Difficile stabilire un modo migliore rispetto agli altri per visitare il MoMA: si tratta di un museo immenso, che ospita una quantità impressionante di opere, che può quindi potenzialmente richiedere moltissimo tempo per una visita approfondita. Ma alcuni visitatori hanno i minuti contati, specialmente i turisti, pertanto possono essere costretti a effettuare una selezione per vedere solo i capolavori di maggiore interesse.

Da questo fattore sostanzialmente dipende la modalità di visita. Inoltre, la ricchezza del MoMA non si esaurisce con l’arte pittorica e quella scultorea: sono in vendita dei biglietti che permettono anche di rimanere al suo interno per prendere visione di un film.

In ogni caso, chi vuole assicurarsi di non perdere i modelli di punta prima di dover fuggire, non deve lasciarsi scoraggiare dalle dimensioni del museo, ma può recarsi immediatamente al quinto piano, prima parte della mostra Painting and Sculpture, vero nucleo della struttura.

Qui si susseguono capolavori che si accavallano tra il 1880 e il 1940, che recano il nome degli artisti più famosi. Il percorso prosegue in modo naturale con il piano immediatamente inferiore, con gli artisti americani degli anni ‘40, ‘50 e ‘60. questi sono i punti imperdibili per chi va di fretta, ma se si dispone di sufficiente tempo, vale la pena dedicare al MoMA la giusta attenzione e predisporre una visita più organica e completa, senza trascurare i piani al di sotto del quarto, che regaleranno una panoramica esaustiva dell’arte moderna a tutto tondo.

I 5 piani del MoMA

Entriamo ora maggiormente nel dettaglio della struttura del museo, composta di 5 piani, così da sapere in anticipo cosa ci si può aspettare da ciascun livello.

Partendo dal basso, al primo piano troviamo l’ingresso e il guardaroba e c’è anche la possibilità di fare un break visto che c’è un bar

Il secondo piano del MOMA, invece, è il primo (in ordine di altezza) dedicato al museo vero e proprio, e offre molto materiale proveniente dal mondo delle stampe e dei disegni a carboncino, che partono dal 1880 per arrivare fino a oggi.

Al terzo piano troviamo un esteso compendio fotografico: questo include sia gli scatti realizzati dai più celebri fotografi sia quelli amatoriali o provenienti dai giornali.

Il penultimo piano, il quarto, è dominato da movimenti come Espressionismo astratto e Pop Art. infatti, a questo livello sono conservai i capolavori di Jackson Pollock e Andy Warhol. Infine, il quinto piano del MOMA, indubbiamente quello che desta maggior interesse, e pertanto sempre affollato, è, come dicevamo, dedicato alla prima parte della mostra relativa a pittura e scultura, dove si possono ammirare i lavori più famosi di Picasso, Chagall, Monet, Mirò e Cézanne.

Di seguito vedremo più precisamente quali sono le opere su cui concentrarsi maggiormente e che non si possono assolutamente perdere durante la visita al MoMA.

Le opere più importanti al MOMA

Il quinto piano è quindi una carrellata delle opere che hanno segnato la storia dell’arte moderna, e rappresenta un vero viaggio negli ultimi due secoli, tra tendenze e ideologie che si esprimono con forme e colori.

Agli Impressionisti ottocenteschi e alle loro immense tele si accostano quelle rivoluzionarie di pochi decenni successivi, oltre alle sculture che hanno determinato un balzo culturale a tutti gli effetti.

Il cuore del MoMA pullula di vere e proprie star, a cominciare dalla Notte Stellata di Van Gogh, che si erge maestosa al quinto piano.

Chi ama la pittura di suggestione non potrà fare a meno di cercare le meravigliose Ninfee di Monet, massima espressione dell’Impressionismo francese e del suo inconfondibile utilizzo della luce e del colore.

A queste opere di notevole impatto grafico si accosta la Persistenza della Memoria di Salvador Dalì, con la sua resa realistica della consistenza della materia, oltre ai capolavori di plastica bellezza di Picasso, che formano quasi una continuità con lo studio delle forme e la loro mutevolezza di Umberto Boccioni.

E’ possibile vedere molte opere di Picasso come il Ragazzo che conduce un cavallo, La capra, la chitarra, Ma Jolie, la Donne con pere e Le demoiselles d’Avignon

A contrapporsi, invece, arrivano le correnti più astratte ed eteree, come quella sostenuta da Marc Chagall (Io e il Villaggio), oltre alla Danza di Matisse e al Quadro con Arciere di Kandinskij.

Come arrivare al MoMA

Infine, vediamo come arrivare in modo rapido al Museum of Modern Art se ci troviamo già a New York per un viaggio.

L’indirizzo è al numero 11 West di 53rd Street. Per arrivarci, basta prendere la linea E della metropolitana e scendere alla fermata dal nome 5th Avenue – 5rd Street. A pochi passi dal MoMA si possono scorgere molte altre attrazioni degne di nota, come il Rockfeller Center e il suo osservatorio del Top of the Rock. A soli 700 metri è impossibile non individuare anche Times Square e la Cattedrale di San Patrick.

Prezzi dei biblietti del MoMA

Gli adulti pagano 25 $, gli Over 65 pagano 18 $ gli studenti 14 $ mentre per  i bambini e i ragazzi fino a 16 anni l’ingresso è gratuito

Shopping al MoMA

Come tutte le attrazioni negli USA, c’è uno spazio dedicato allo Shopping, gli americani sono famosi per tshirts, magneti da frigo, penne e matite e al MoMa potrete trovare un sacco di questi memorabilia

La cosa più bella di questo shopping è che ci sono le opere dei migliori designer al mondo, con oggetti molto particolari

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.